Cerca nel catalogo

(attualmente disponibile solo per FONDO CDR)

© Centro di Documentazione sulla Resistenza e l'Antifascismo nel territorio di Correggio Palazzo dei Principi - C.so Cavour 7 - Correggio tel. 0522 691806 - fax 0522 633017 museo@comune.correggio.re.it credits

Progetto

L’Amministrazione della Città di Correggio ha da tempo intrapreso un percorso di valorizzazione e promozione della “Memoria del Novecento” (guerre mondiali, fascismo, antifascismo e resistenza, Italia repubblicana). Nel 1995, in occasione del cinquantesimo della Liberazione,  furono promosse numerose attività che riflettevano su alcuni temi cardine: l’antifascismo, la Resistenza e la Liberazione, la politica scolastica del fascismo (con la realizzazione di una mostra storico-documentaria sulla scuola a Correggio durante il ventennio).

Materiale Resistente

La nascita dell’Associazione Culturale “Materiale Resistente”, promossa e organizzata dal Comune di Correggio in collaborazione con ANPI Correggio, segnò una svolta decisiva nel modo di approcciare e raccontare la storia e l’eredità dei valori della ‪Resistenza, portando alla luce nuove forme espressive e comunicative capaci di parlare alle prime generazioni che non combatterono direttamente per la libertà. Al centro dell’evento un grande concerto che ha segnato un punto di svolta nelle “celebrazioni resistenziali”: i migliori gruppi del rock indipendente italiano –  a partire dai CSI e dai Modena City Ramblers – scrissero o reinterpretarono canti della Resistenza. Al tempo stesso, i luoghi legati alla Resistenza furono “contrassegnati” da installazioni contemporanee e furono scritti “I racconti dei Cippi” (2000), una sorta di “Spoon River” della Resistenza, per narrare le vicende di partigiani caduti.

Collaborazioni

Grazie alla collaborazione con ISTORECO, ANPI e Associazione Culturale Materiale Resistente, da quella data in poi numerosi sono stati i momenti i approfondimento (i già ricordati “Racconti dei Cippi”, la Mappa dei luoghi del Nazifascismo e della Resistenza correggese, solo per citarne alcuni), che hanno portato alla nascita, nel 2006, Centro di documentazione sull’Antifascismo e sulla Resistenza nel territorio correggese (CDR), che ha posto in essere numerosi interventi di salvaguardia, recupero e valorizzazione del patrimonio documentario pertinente questi temi.

Ricerca storica e divulgazione

Il CDR si è da subito proposto come strumento di ricerca, conoscenza e divulgazione sull’Antifascismo e sulla Resistenza nel territorio correggese, con intenti non meramente celebrativi, ma, come detto, di approfondimento su un periodo cruciale della nostra storia contemporanea.

Grazie all’esperienza maturata e ai rapporti collaborativi instaurati con altri enti, il Comune di Correggio ha potuto dare il patrocinio e sostenere, nel 2015, la realizzazione del sito “Le strade della Libertà”. Partendo dalla constatazione che la provincia di Reggio Emilia conserva uno straordinario patrimonio di beni culturali riconducibili alla storia dell’Antifascismo e della Resistenza (monumenti, edifici, archivi e centri di documentazione che rendono viva testimonianza dell’impegno assunto dalle comunità nella lotta di liberazione dal nazifascismo), l’Associazione Giovani in Europa (AGE) ha realizzato, con il ricordato patrocinio del Comune di Correggio e il finanziamento di I.B.C., il sito www.ageuropa.eu/lestrade.

Anche le celebrazioni centenarie della Prima Guerra Mondiale (2015) hanno fornito l’occasione per procedere ad una attenta ricognizione indagine di ricerca ed individuazione delle fonti archivistico-bibliografiche locali atte a costruire un percorso di approfondimento sul conflitto e sulle ripercussioni sulla comunità locale.

Riordino e inventariazione del fondo ANPI

Volendo dare continuità a questo percorso, l’Amministrazione Comunale ha stipulato a fine 2014 una convenzione con Istoreco per proseguire nell’attività di riordino e inventariazione del consistente fondo che ANPI ha conferito al CDR. In occasione delle celebrazioni del 25 aprile 2016 la prima parte di questo lavoro, costituita dall’inventario del fondo ANMIG (Associazione Nazionale Mutilati Invalidi di Guerra) è stata presentata al pubblico. Attualmente (dicembre 2016)  si sta procedendo ad una revisione ed ottimizzazione  dell’inventario di una parte del fondo ANPI realizzato da dott. Marco Cavicchioli (in occasione del servizio svolto in occasione del Servizio Civile Nazionale 2013-2014) e all’inventariazione del fondo librario  pertinente la Casa del Fascio di Correggio. Ambedue gli interventi si avvalgono della supervisione di Istoreco.

Attraverso questo intenso lavoro di recupero, riordino, implementazione, conservazione e valorizzazione che ha fatto seguito all’apertura del Centro di Documentazione sull’Antifascismo e Resistenza, la prospettiva originaria del Centro ha acquisito una nuova dimensione culturale, assumendo sempre più la connotazione di un vero e proprio centro di documentazione sul Novecento a Correggio.

Il nuovo progetto e il sito rinnovato

Da ciò scaturisce il nuovo progetto Memorie dal Novecento. Partendo dall’attuale CDR,  il sito verrà completamente rivisitato per costituire uno strumento fondamentale di conoscenza e documentazione per chiunque voglia approfondire la storia del Novecento a Correggio non in modo celebrativo o retorico, ma in modo critico, individuando le fonti documentarie, tra loro anche molto eterogenee e per questo interessanti dal punto di vista scientifico ai fini di un confronto.

La documentazione scansionata, in attesa di poter essere indicizzata in una successiva fase dell’intervento, è stata organizzata al momento in “gallerie di immagini” ordinate tematicamente e  secondo un criterio cronologico. Nella sezione che riguarda la “Prima Guerra Mondiale” sono state scansionate le schede dei Caduti della Prima Guerra Mondiale e dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, nonché una ricca documentazione, anche iconografica, relativa al conflitto (documenti, cartoline, fotografie, eccetera).

La sezione “Il Fascismo e le leggi razziali” raccoglie un ampio materiale documentario e iconografico relativo alla nascita del movimento fascista a Correggio, alla promulgazione delle leggi razziali, all’impatto che esse hanno avuto sulla società correggese (dipendenti ebrei e non, famiglie ebraiche locali). Di particolare interesse la sottosezione pertinente il modo della scuola correggese durante il ventennio con un’impotente documentazione, anche fotografica, che ripercorre le vicende delle nostre istituzioni scolastiche.

Infine la sezione su ”Antifascismo e Resistenza” raccoglie tutto il prezioso materiale già raccolto, ordinato e reso fruibile in dieci anni di attività su questo periodo storico così cruciale.